Temi, riflessioni e nuove idee per riuscire a concretizzare la riforma degli estimi del Catasto fabbricati.

E’ dagli anni ‘90 che si discute di revisione generale degli estimi catastali, senza arrivare ad una soluzione concreta. In effetti, una revisione parziale è stata condotta per adeguare le rendite dal triennio censuario 1937-39 al biennio censuario 1988-89; di fatto dal 1962, anno di entrata in conservazione del Nuovo Catasto Edilizio Urbano, non è mai stata effettuata una vera revisione generale degli estimi, che la legge invece impone con cadenza massima pari a dieci anni l’una dall’altra.

revisione-estimi-catastali-200

Vari sono i motivi che possono aver causato l’imperdonabile ritardo; questioni politiche sono da mettere certamente in conto, poiché l’argomento si presta agevolmente a strumentalizzazioni che possono ritorcersi contro chi propone la revisione, ma, probabilmente, la ragione più consistente di tutte è da individuarsi nelle gravi criticità che hanno afflitto ed ancora affliggono l’attuale sistema degli estimi. Il classamento delle categorie ordinarie è determinato, tramite l’attribuzione di categoria e classe, per comparazione diretta, procedimento del quale però non sono rinvenibili nelle disposizioni di legge e di prassi le istruzioni operative su come condurre, in pratica, la stima.

Alcuni brani delle Istruzioni catastali fanno comprendere come, in effetti, il classamento per comparazione diretta è stato originariamente concepito come una sorta di procedimento di stima «a vista», che presupponeva cioè l’ispezione materiale di tutte le unità immobiliari urbane. Si è dunque di fronte ad una criticità mai superata, che si vorrebbe risolvere per mezzo di metodi e strumenti di nuova concezione, sostanzialmente copiati dall’estimo di scuola anglosassone. Queste innovazioni però sono anch’esse intrise di un consistente numero di criticità, che rendono assai dubbia la possibilità di un adeguato adattamento al contesto territoriale italiano. La situazione attuale non è certamente buona, il sistema attuale, così com’è, oramai non è più in grado di garantire un adeguato livello di perequazione impositiva, mentre il nuovo sistema è, già in partenza, potenzialmente gravato da una serie di consistenti criticità che pongono legittimi dubbi su come possa essere reso operativo.

Non è da escludere che una delle cause del logorante procrastinarsi dell’avvio della fase di riforma consista proprio nella difficoltà di trovare credibili soluzioni, teoriche e pratiche. Oggi dunque ci si trova in una situazione che ha aspetti paradossali, da una parte sopravvive un consunto sistema catastale, dall’altra non si intravvede un futuro certo. In questo contesto si pone la nuova proposta, recata dall’e-book, il quale ha l’ambizione di trattare alcuni importanti temi catastali in modo semplice, ma, nel contempo approfondito. L’argomento principale è il sistema degli estimi catastali e la sua riforma, esso non è una entità a se stante, bensì giustapposta in una realtà socio-economica complessa, gravata da criticità sensibili.

Si individuano, prima di tutto, delle problematicità nel mondo economico, che possono essere aggravate da inappropriati comportamenti etici da parte degli attori economici. Queste criticità, inevitabilmente, si riverberano sull’estimo, scienza su cui è fondato il sistema degli estimi catastali.

L’analisi condotta mette in evidenza che anche i più recenti provvedimenti normativi sembrano essere affetti dalle gravi criticità individuate. Le conclusioni dell’analisi portano alla proposizione di alcuni principi e strumenti operativi per indirizzare a buon fine la riforma degli estimi.

Luigi Caraglio – Revisione degli estimi catastali – Exeo Edizioni dicembre 2018

 

Annunci

La rendita catastale delle unità speciali o particolari

L’ebook costituisce una guida sintetica operativa per un corretto approccio alla dichiarazione in catasto dei documenti DOCFA per l’aggiornamento del catasto edilizio urbano, segnatamente per la determinazione della rendita proposta per le unità immobiliari speciali o particolari in costituzione o variate.

rendita-catastale-unita-speciali-2018-200

Con l’ebook sono, fra l’altro, resi disponibili i prontuari/prezziari predisposti nel tempo da di 36 uffici provinciali dell’Agenzia delle Entrate, che possono risultare di valido aiuto al professionista, soprattutto al fine di circoscrivere e limitare eventuale possibilità di erronee determinazioni, rispetto al contesto catastale.

La presente terza edizione aggiorna il testo al disposto delle ultime leggi di stabilità ed in particolare a quella per l’anno 2018 (L. n. 205/2017).

Dopo una preliminare sintesi della normativa e della prassi ministeriale e l’analisi dei concetti generali derivanti dalla disciplina dell’estimo integrati al contesto catastale, sono sviluppati cinque esempi di calcolo della rendita catastale per le categorie speciali e particolari più ricorrenti (ante e post disposizioni lg. 208/2015).

 

Antonio Iovine – La rendita catastale delle unità speciali o particolari – Exeo edizioni gennaio 2018

Fabbricati rurali: accatastamento e trattamento fiscale

L’ebook costituisce una sintetica, ma esaustiva guida operativa, illustrativa della evoluzione nel tempo della prassi per l’accertamento catastale dei fabbricati rurali, che ha subito di recente profonde innovazioni normative.
In particolare viene trattato il processo di dichiarazione in catasto dei fabbricati delle costruzioni rurali già censiti al catasto dei terreni, che doveva essere portato a termine entro il 30/11/2012, come disposto dall’art. 13, comma 14-ter del DL n. 201/2011, e come recuperare eventuali inadempimenti. Contestualmente è sviluppata una sintetica rassegna del sistema impositivo immobiliare per il settore agricolo.

fabbricati-rurali-accatastamento-trattamento-fiscale-200
È imminente l’invio da parte dell’Agenzia delle Entrate, sicuramente entro il 31/12/2017, degli atti di contestazione nei riguardi dei titolari di fabbricati rurali già censiti al catasto dei terreni che non hanno provveduto alla dichiarazione al catasto dei fabbricati entro il 30/11/2012 come disposto dall’art. 13, comma 14-ter del DL n. 201/2011. In prossimità di detto evento, l’ebook offre una panoramica sulle varie possibilità di sanare l’infrazione con il minimo danno. In particolare il testo è aggiornato con le recenti direttive di cui alla nota n. 213605 del 10/10/2017 dell’Agenzia delle Entrate.

Il testo contiene una illustrazione storica aggiornata della normativa e dei criteri di accatastamento e di riconoscimento della ruralità ai fini fiscali dei fabbricati anche la prassi a regime. E’ altresì sviluppata una rassegna della normativa in tema di imposizione immobiliare per fabbricati rurali e terreni agricoli, strumentale alla trattazione della tematica catastale.

 

Antonio Iovine, “Fabbricati rurali – accatastamento e trattamento fiscale” – Exeo Edizioni ottobre 2017

La dichiarazione di successione online e voltura catastale

L’ebook costituisce una sintetica, ma esaustiva guida operativa, illustrativa della evoluzione nel tempo della prassi per la compilazione della dichiarazione di successione. In particolare, la trattazione è incentrata sull’illustrazione della procedura informatica di adempimento telematico “SuccessioneOnline” disponibile a decorrere dal 23 gennaio 2017.

 
Fino al 31/12/2017 coesisteranno le facoltà di utilizzare la prassi pregressa di adempimento (dichiarazione su stampato cartaceo e successivo passaggio in catasto per la voltura catastale) e le nuove procedure telematiche.

successioni-on-line-200
A tale fine, ma anche per costruire un anello di collegamento tra vecchia e nuova prassi, è stata sviluppata anche l’illustrazione secondo le modalità pregresse di compilazione della dichiarazione. In particolare la guida contiene anche esemplificazioni dell’uso delle procedura catastale “Voltura 1.1” per l’esecuzione delle volture catastali, anche nel più ampio panorama, che resterà ancora attivo, di adempimento disgiunto tra dichiarazione di successione e voltura catastale.

 

Il testo si integra con le trattazioni degli altri e-book della stessa collana editoriale, in materia catastale, ed è consigliato sia direttamente al contribuente (certamente per i casi più lineari) sia ai tecnici professionisti, che operano in questo settore specifico di adempimenti fiscali-catastali.

M. Iovine – G. Taddeo, “La dichiarazione di successione online e voltura catastale” – Exeo Edizioni marzo 2017